abolizionecaccia.it Animal Liberation Bolognazoofila.org La compagnia degli animali legadelcane.org lida.it lipu.it oipaitalia.com Quelli della notte wwf.it www.lav.it Pianeta ZetA Cruelty free



 

 

... home
... noi siamo
... manifesto
... contatti
... altre iniziative


NOI SIAMO



Ogni giorno
vengono distrutti
151 Kmq di foresta;
scompare una specie vivente;
sono macellati 163
milioni di animali;
si inquinano le
acque e l’aria con i
veleni delle attività
umane.



Ogni anno
 in Italia 1 milione
di animali è
torturato nei
laboratori della
vivisezione; 100
milioni sono uccisi
dai cacciatori.
Difendi la vita.
Difendi gli habitat.
Il tuo pensiero e il
tuo stile di vita
contano.

Carta delle Associazioni non speciste
dell’Area bolognese

  1. La sensibilità per la promozione dei diritti degli animali è un capitale culturale che va difeso e accresciuto.

  2. Il rispetto delle specie non umane si fonda sul riconoscimento della loro qualità di esseri senzienti,  portatori di un primario diritto di non discriminazione antropocentrica (uccisione, violenza, maltrattamento, restrizione della libertà, abuso, sfruttamento, disprezzo, scherno).

  3. Oggi ravvisiamo una pluralità di segnali di controtendenza che provengono, con maggiore preoccupazione, dal versante delle Istituzioni Pubbliche. Riscontriamo da parte di esse una grave sottovalutazione dell’ampia opinione pubblica che condivide le nostre posizioni, a vantaggio di poche e circoscritte categorie (in primis cacciatori) che ricevono eccessive attenzioni.

  4.  Le Associazioni dell’Area bolognese che sottoscrivono la presente Carta, si propongono di rendere nuovamente udibile la forza del messaggio culturale che da decenni promuovono, assumendo, quali punti di orientamento, le seguenti finalità:

    • ricondurre l’attenzione dell’opinione pubblica sul valore centrale del rispetto della vita animale; conseguire interventi legislativi, regolamentari e amministrativi in favore del fattuale riconoscimento dei diritti animali;
    • accrescere la sensibilità e la partecipazione pubblica sulle tematiche elencate nel successivo punto 5;
    • contrastare ogni espressione di discriminazione antropocentrica (cfr. punto 2).

  5. L’impegno che oggi si assume, a partire dalla collaborazione paritetica, si polarizza su problematiche  significative e di ampia risonanza, con particolare attenzione agli effetti su scala locale:

    • allevamenti intensivi;
    • vivisezione;
    • pratiche ittiche e venatorie;
    • maltrattamenti e abusi con danni fisici e psicologici;
    • spettacoli con animali (circhi, zoo, mostre, ecc.); senza distinzione di specie.

  6.  Le azioni, coerenti con le finalità sopra richiamate, si informano ai criteri della condivisione e della unitarietà, con il preminente obiettivo di massimizzarne l’efficacia. Esse si articoleranno in: - campagne di comunicazione e sensibilizzazione su quotidiani e periodici locali (anche con l’intervento di sponsor e testimonial); comunicati stampa; mailing-list, manifesti; - azioni giudiziarie; - azioni di pressione, anche mediatica, nei confronti degli attori politici locali; - iniziative politico-culturali.

  7. Sottoscrivendo la Carta, le Associazioni danno vita ad un Tavolo di lavoro che tratterà le azioni da intraprendere. Il Tavolo si riunisce periodicamente. Ciascuna Associazione ha libertà di proposta e di partecipazione.

  8. L’adesione alla Carta è libera ed aperta ad ulteriori contributi; l’adesione assume un primario carattere simbolico e non interferisce in alcun modo sulle peculiarità di fini, programmatiche e organizzative delle Associazioni aderenti.


oOo

Sottoscrivono i Presidenti/Responsabili delle Associazioni:

Bologna, 26 luglio 2011






PROMUOVIAMO L’ETICA NON SPECISTA DEL DIRITTO ALLA VITA, ALLA LIBERTÀ, ALL’INTEGRITÀ DI TUTTE LE FORME VIVENTI, SENZA PREGIUDIZI. DIFENDIAMO LA DIVERSITÀ BIOLOGICA E GLI HABITAT NATURALI.